Amori venali. La prostituzione nell'Europa medievale - download pdf or read online

By Jacques Rossiaud, Paola Donadoni

ISBN-10: 885810594X

ISBN-13: 9788858105948

Donne di strada e grandi cortigiane, ruffiane e mezzane, case chiuse deepest e pubblici bordelli: fino al XVI secolo il mondo degli amori venali è onnipresente e tollerato. Gli uomini di governo e di Chiesa considerano los angeles prostituzione inestirpabile e naturale, una forma di risposta spontanea alla miseria dei tempi e l'arma più efficace di lotta contro il caos. l. a. Chiesa gregoriana, pur instauratrice di un ordine coniugale rigoroso, accetta l. a. concupiscenza maschile e ammette donne votate al peccato. l. a. giustificazione è quella del male minore: minore rispetto alla violenza, allo stupro, all'adulterio, all'incesto. L'elemento monetario aggiunge paradossalmente all'insieme un elemento positivo; il denaro, questo nemico di Dio, è l'amico della donna venale: giustifica e legittima l. a. sua pratica e fa di lei una lavoratrice che riceve il prezzo della sua fatica. Rese socialmente visibili, le prostitute pubbliche si ritengono in grado, in Alta Germania are available in Linguadoca, di some distance fronte agli abusi e di reclamare i propri diritti. Perfettamente combine? Certamente no. Ma in grado di diventarlo? Probabilmente. Ma il pace di promozione del corpo finisce bruscamente a metà del XVI secolo quando, sullo sfondo di disastri sociali e di guerre religiose, il clero della Controriforma come to a decision di porre tremendous alla tolleranza. Da allora viene attuata una strategia repressiva fatta di incarceramenti, punizioni ed esclusioni. Gli anni 1550-1560 si aprono così su un mondo completamente diverso.

Show description

Read or Download Amori venali. La prostituzione nell'Europa medievale PDF

Best italian books

Read e-book online Il codice del Quattro PDF

Milano, Piemme, 2004, octavo cartonato con sovraccopertina illustrata a colori, pp. 366, alcune illustrazioni nel testo.

Download PDF by Gino Arrighi: La matematica nell'Età di Mezzo: scritti scelti

Gino Arrighi (Lucca, 1906-2001) è stato uno storico della scienza e del gown documentato e brillante. Nei settant’anni della sua attività scientifica ha pubblicato quasi un migliaio di observe, memorie, monografie, recensioni. I suoi contributi più originali ed interessanti sono certamente quelli dedicati alla matematica medioevale, in particolare alla matematica dell’abaco.

Additional resources for Amori venali. La prostituzione nell'Europa medievale

Example text

Insomma, nonostante le sue conquiste, la Chiesa non giunge mai ad espropriare i laici delle loro istanze etiche; perché la loro resistenza agli ammonimenti è grande, ma sicuramente anche perché i moralisti non parlano all’unisono51. La morale cristiana – un amalgama che, attraverso i secoli, non è né omogeneo né cosciente – deve accettare l’influenza di diverse morali sociali (e non totalmente profane) che le fanno concorrenza o la interpretano52. È grande merito di John W. Baldwin aver dimostrato che, in materia di sessualità, la scientia dei chierici o dei laici era continuamente (in questo caso intorno al 1200) tributaria non di uno solo, ma di una pluralità di discorsi53.

Quindi importante, prima di qualunque analisi, presentare brevemente gli scontri di natura etica e i mutamenti di ordine storiografico che hanno caratterizzato questi ultimi decenni, poiché questo saggio ne deriva e porta, in ogni suo svolgimento, l’impronta viva di queste effervescenze. * Ricordiamo brevemente il contesto mentale, poiché il mondo della «prostituzione» (adotto qui per comodità una definizione ampia: attività sessuale esercitata al di fuori del matrimonio, normalmente a scopo di lucro, con chiunque ne faccia richiesta) non è così distante come si potrebbe pensare da quello dei comportamenti regolamentati5.

Dunque nostro compito perseguirne la costruzione, rinforzarne i materiali, correggerne le debolezze, indicarne con chiarezza le scelte e le direzioni; attraverso alcune domande necessarie: sulla condizione delle persone, la pluralità delle pratiche, i modi di vivere il corpo, lo spazio sociale del sesso a pagamento. * Il termine riduttivo «prostituta» ha a lungo contribuito a far rientrare tutte le donne che vivono del proprio corpo nella categoria fallace e comoda di marginali27. Esse si trovavano così – a fianco dei lebbrosi, poiché non dovevano, si credeva, penetrare a loro piacimento nello spazio comune; degli ebrei, presso cui alcune di loro si trovavano confinate; degli eretici, marcati come loro da un segno distintivo; o dei sodomiti, ugualmente insozzati dal sesso – in una sotto-società anormale fatta di instabilità, di sradicamento, di delinquenza e di devianza.

Download PDF sample

Amori venali. La prostituzione nell'Europa medievale by Jacques Rossiaud, Paola Donadoni


by Ronald
4.5

Rated 4.88 of 5 – based on 11 votes